sabato

IL TRADIMENTO DI GRILLO





Nel 2006, tramite la rete, Grillo ha contribuito a raccogliere i fondi per comprare a Stefano Montanari e ad Antonietta Gatti, i due ricercatori che studiano le nanoparticelle e le patologie correlate, un microscopio elettronico a scansione ambientale del valore di 378.000 euro.
Oggi il microscopio è stato sottratto in modo disonesto e Grillo non si interessa più alla questione, abbandonando i due ricercatori "scomodi".
Si consiglia di vederlo tutto per capire bene la situazione.
(Saranno cestinati i post non pertinenti o che mirano a disinformare).

14 commenti:

freespirit ha detto...

Ti consiglio anche questo video del dot.Montanari.
Più o meno ripercorre la vicenda come nell'intervista rilasciata ma ha un finale molto interessante.
Aprite bene le orecchie nell' ultimo minuto.

Un saluto
Riccardo

freespirit ha detto...

Che idiota, mi sono dimenticato di mettere il link. Eccolo qua:

http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Flash&d_op=getit&id=11979

Giuseppe ha detto...

Grazie Antonella per avere postato questo video. Ho visto i due video e devo dire che sono rimasto interdetto. Avevo seguito la storia di Montanari e Gatti e la sottoscrizione lanciata da Grillo ma non sapevo che la storia avesse preso una piega cosi' inquietante. Sono sempre stato dalla parte di Grillo ma questa volta il comico genovese dovrebbe dare piu' di una spiegazione per quello che e' successo altrimenti la prossima volta che lancera' una sottoscrizione (e ne fa' parecchie, anche giustamente) nessuno gli credera' piu'.
Giuseppe, UK
P.S. Quanto alla parte finale del video su arcoiris e il riferimento a un "incidente stradale", sembrerebbe materiale per Paolo Franceschetti. So che legge questo blog e mi piacerebbe sentire un suo pensiero.

MyTwoNuts ha detto...

Antonella,

Patetico Grillo che compie queste azioni
unicamente per farsi pubblicità, cioé
prima compie azioni "eroiche" e
poi una volta ottenuto il suo scopo torna
a nascondersi.

lostdog ha detto...

consapevolmente fuori tema-oltre a grillo c'è d+.
ti do del tu antonella sei una persona onesta e le tue analisi,osannate da molti in questo blog mi trovono concorde... e critico sui personalismi e sulle tue certezze. peccati veniali di chi ha una grande passione per la vita-VERITà come te.
i miei peccati sono molto + grandi ed anche le mie certezze!MA...
ora ti propongo ALCUNI TEMI
se vuoi, da sviluppare.IL MOnDO NUOVO!
questo tsunami ecomico sociale questa fase di cambiamento di passaggio ha bisogno non solo
di consapevolezza ma anche di coraggio.
di lotta di punti reali concreti veri sui quali far leva....di una visione meditata in evoluzione ma CERTA! ...ha bisogno di un movimento.
non basta infatti rapire un dirigente o minacciare di suicidarsi per salvare il posto di lavoro...o denunciare e basta
(del berlusca dagli anni ottanta c'erano informative sulla sua mafiosità)
detto questo
bisogna uscire dall'individualismo porre al centro e
coinvolgere coloro che hanno la forza di andare avanti che hanno rabbia e voglia di vivere+di noi gli immigrati
(non ancora completamente inguaiati col consumismo sovrappeso tipico di noi occidentali).son loro la nostra energianuova.
ecco un punto...
un altro
domando..."SVILUPPO" INFINITO ripresa dello "sviluppo"?
sviluppo sostenibile?o decrescita-Umanistica?
piantare alberi giovani o ristrutturare le fabbriche?per far oggetti inutili ed inquinanti o beni?beni al servizio DI TUTTI GLI esseri umani beni e servizi utili!!!...
un altro punto..
coloro
che hanno dai 35 ai 55 anni dove li collochiamo come li rottamiano? ed i giovani-già vecchi dove li
SIstemiamo? che cazzo di prospettive hanno??? la mia rabbia è quella di un padre e lo dico senza retorica
SI DEVE rimediare ai nostri DISSASTRI abbiamo il dovere di farlo!!!
abbiamo il dovere di uscire dal nostro ebetismo strutturale(?)
personalmente non ho nulla da perdere solo le mie catene!


da buon post marxsiano-post keynesiano pongo questa domanda ...vi ricordate quando si scriveva
della fine del lavoro degli operai che non ci sono +...quante cavolate...poi ci si accorge che milioni di persone perdono il lavoro(operai impiegati nel settore privato...nel pubblico solo i dispersi
i lost i precari son morsi dalla crisi...)
d'un tratto
poi ci si accorge che la sovraproduzzione di prodotti che ci ha innondato in questi anni è stata "prodotta" dal LAQVORO(mal pagato) umano in primis e da macchine...
cordiali saluti

Alberta ha detto...

Su Byoblu ci sono degli aggiornamenti.
http://www.byoblu.com/post/2009/09/05/Nanobugie.aspx

Mister M. ha detto...

Spero di non risultare seccante, ma qua ho un link http://www.byoblu.com/post/2009/09/05/Nanobugie.aspx#continue come sapete di Claudio Messora, dove è pubblicata anche una lettera di una giornalista che scrisse dell'argomento microscopio.
Dopo aver visto i due video come mio parere personale aspetto di sentirne di più, dato che non sappiamo ancora da che piatto pende la bilancia

freespirit ha detto...

"Patetico Grillo che compie queste azioni
unicamente per farsi pubblicità, cioé
prima compie azioni "eroiche" e
poi una volta ottenuto il suo scopo torna
a nascondersi."


Io non lo definirei patetico, come non penso che lo abbia fatto "per farsi pubblicità".
Se si inizia a vedere tutto il quadro, Grillo ha la sua funzione, ha dei motivi ben precisi a comportarsi in una certa maniera, è uno dei tanti ingranaggi di una macchina molto complessa.
Basta vedere chi sia il suo editore...

Giuseppe ha detto...

Mah, non saprei... Io penso che per quanto riguarda la storia del microscopio Grillo abbia fatto tutto in buona fede, poi le cose si saranno evolute in modo tale che ha dovuto fare un passo indietro perche' non ha potuto dire di no a qualcun altro...

Antonella Randazzo ha detto...

Ho postato questo video ripreso da byoblu perché ho apprezzato l’intervista a Montanari, ma sono cosciente che il blog di Messora a volte manifesta lacune e incongruenze. Egli è molto bravo dal punto di vista tecnico e “mediatico”, nel senso che sa rendere molto bene l’informazione che dà, attorniandola da caratteristiche proprie del sistema mediatico, e lui stesso si pone a personaggio con toni e atteggiamenti che ricordano personaggi di Italia Uno come “le iene”.
Tuttavia, ho notato a volte alcune lacune, ad esempio non conosce la situazione del Venezuela di Chávez, del Terzo mondo, o la disinformazione che viene fatta da Travaglio e Grillo.
Non è questa la sede per discutere questi argomenti (vi prego di non inviare post su questi argomenti in questa sede, più avanti avremo modo di trattare ancora questi temi), voglio soltanto confermare quello che dico sempre: si deve usare la propria testa per valutare quello che viene detto nei blog.
Si deve avere sempre senso critico. Un blog è soltanto una delle tante fonti che vi può essere utile in qualche modo. Non si deve avere un atteggiamento superficiale: ogni blog risente della personalità di chi lo tiene, e tale personalità va rispettata anche se può essere diversa dalla nostra. Ad esempio, Barnard, come giornalista free-lance, si propone come uno che ama le provocazioni, come se dovesse fare qualche “scoop”, mentre io ho una formazione diversa, il mio settore è la saggistica e l’insegnamento. Messora, invece è molto bravo dal punto di vista tecnologico, e crea un blog di sicuro esteticamente e mediaticamente assai più gradevole di quanto possa essere il mio.
Dunque, occorre conservare sempre il senso critico e formarsi un’idea sulle cose trattate autonoma rispetto ai blogger.
Se non si fa così si rischia di cadere nel vecchio errore di diventare fans di qualche personaggio, e i personaggi che avranno più affiliati saranno, ovviamente, quelli promossi dal sistema, che godranno di spazio mediatico e di sostegno delle "social networking" di regime.
Il caso di Grillo dovrebbe far riflettere su questo.

Antonella Randazzo ha detto...

Leggo dal meetup di Cuneo che hanno chiuso:
"La solita corsa alla poltrona! Deluso, il primo gruppo del Meetup di Beppe Grillo della Provincia di Cuneo, chiude e prende le distanze da questo ennesimo specchietto per le allodole.
Cari iscritti, alcuni di Voi sono con noi dal 2005 e altri sono venuti in seguito, quando ancora Grillo non aveva parlato della possibilità di fare carriera politica usando il suo nome. In quei tempi chi si iscriveva lo faceva senza tornaconto personale perché l’unico fine di questi gruppi era quello di lavorare per il bene comune. Da quando invece, nel 2007, il comico genovese diede la possibilità di candidarsi sfruttando la sua immagine, i gruppi più vecchi sono stati invasi dagli stessi arrivisti e arrampicatori sociali di cui sono pieni i partiti. Da allora nei vari gruppi sono iniziate le tipiche lotte intestine e di sopraffazione degli uni sugli altri per prendere il controllo dei Meetup e usarli a proprio piacimento, nuovi gruppi sono nati in molte città italiane, strumentali al solo interesse elettorale per la ricerca di consensi, cosicchè la maggioranza di chi si era iscritto seriamente e senza secondi fini se ne è andato. Molti che ci avevano creduto veramente, vedendo il degrado e il fallimento di un movimento che avrebbe dovuto rappresentare la speranza di qualcosa di diverso e di finalmente genuino, se ne sono allontanati disgustati. Ma come è potuto finire così? Abbiamo dovuto renderci conto in svariate occasioni che lo stesso Beppe Grillo parla bene e razzola male. E di questi tempi abbiamo constatato come anche l’utilizzo del malcontento è divenuto un mezzo per ottenere voti e guadagni. Ma la cosa che mai ci saremmo aspettati da chi, come fa lui, si erge a difensore della trasparenza è che ha avuto anche il coraggio di irritarsi quando i suoi redditi sono stati pubblicati e quindi conosciuti dall’opinione pubblica. Insomma lui a parole la esige, ma solo per gli altri. Vista la totale mancanza di coerenza con cui imperterrito porta avanti le sue azioni, senza preoccuparsi minimamente di salvare almeno le apparenze, evidentemente ritiene che chi in lui ha riposto le sue speranze, siano individui accecati o rincitrulliti, con gli occhi foderati di salsiccia che continueranno a credergli nonostante tutto. E forse in parte può aver ragione perché il movimento, oltre ad essere composto e gestito da una folta nomea di arrivisti, annovera tra le sue file ancora qualche ingenuotto (ma sempre di meno) ed anche quel genere di persone un po’ fanatiche che seguono il leader senza nessuno spirito critico e senza mai porsi domande. Ora non ci stupiscono più le notizie che descrivono un Grillo ecologista che ha posseduto anche due Ferrari (classificata tra le auto più inquinanti in commercio), più Porsche, Maserati, Chevrolet Blazer, eccetera e gira su motoscafi altamente inquinanti, che parla di risparmio energetico e nella sua villa ha una fornitura da 20 kilowatt contro i 3 kilowatt medi delle case italiane".
Personaggio che si erge a moralizzatore del malcostume italiano che tuona contro i condoni e poi, appena si presenta l’occasione, si avvale per ben due volte del cosiddetto condono fiscale
tombale oltre che del condono edilizio.
Visto tutto questo non intendiamo continuare a seguire questo personaggio che ha preso in giro noi e che probabilmente ancora per un po’ continuerà a prendere in giro quegli italiani in buona fede che conoscono lui e il suo “movimento” solo dal di fuori.
Fonte: http://beppegrillo.meetup.com/170/it/messages/boards/thread/7586071

daniele.campione ha detto...

Antonella, la villa di Beppe Grillo consuma molto perché produce moltissima energia elettrica che viene poi venduta ad un ente privato di cui non intendo fare pubblicità. Il consumo effettivo (che si ottiene quindi gratuitamente, perché auto-prodotto) è pari a quello di una comune abitazione.
Comunque ottimo articolo.
Saluti

Lucia Fantetti ha detto...

QULSUNO SA COME SI POSTA UN VIDEO YOUTUBE SU QUESTO BOLG?

Antonella Randazzo ha detto...

Ciao Lucia, non saprei rispondere alla tua domanda, prova ad indicare il link e se il video è una novità (tieni conto che ci sono già tanti video su questo blog e dunque potrebbe già esser stato pubblicato oppure l'argomento è stato già trattato) particolarmente interessante lo pubblicheremo.